fbpx
antonio-molinari-ub77xN37pNs-unsplash

Il nostro studio, il nostro teatro

Anticamente
era l'idea di un teatro in mezzo al grano
come una bevanda sotto il sole.

Paolo Conte

Nel viaggio che compiamo con ogni paziente e durante la messa in scena di ogni seduta, incontriamo pezzi dell’altro e incontriamo pezzi di noi, richiamati gli uni dagli altri.

Mi piace il teatro anche come luogo fisico perché rappresenta bene al suo interno ciò che intendo fare nel mio lavoro e nel mio studio; come arte e medicina del recupero della complessità, delle storie, delle ragioni e degli eventi.

Per la sua capacità di dare voce a tutti i personaggi e di farli parlare tra loro, come luogo in cui il paziente diviene attore e contemporaneamente pubblico, costruendo e assistendo alla messa in scena del suo spettacolo personale con svariati stati d’animo differenti, come lo farebbe una platea eterogenea, col diritto di applaudire o di uscire annoiata a metà serata.

Amo pensare al mio studio come a un piccolo teatro dell’intimo dove vengono messe in scena continuamente storie diverse, sul cui tabellone della mente sfilano continuativamente personaggi, eventi, ricordi, fantasmi, eroismi, commedie, tragedie, illusionismi sempre nuovi e nello stesso tempo così antichi; perché l’umanità e la storia delle generazioni passate e presenti è stratificata in noi, nelle sedimentazioni della nostra memoria conscia e inconscia che ci rende partecipi di una collettività, e ci rende essa stessa una collettività in un unico individuo.

Trasformare lo studio in un teatro e ancora ogni paziente in un teatro, evidenziando la grande capacità di ognuno di noi di contenere al proprio interno tutto questo, in un continuo cambiamento di ruoli, talvolta protagonisti, talvolta pubblico, talvolta guardarobieri, fa divenire l’arte della terapia uno spettacolo potenzialmente senza fine.

Poter considerare poi ogni paziente come parte del nostro teatro interno e considerare il noi, la coppia che si crea tra paziente e terapeuta, come un elemento che è a sua volta un altro teatro: un luogo altro, dentro al quale la coppia sogna insieme e insieme si conosce, confrontandosi sull’esistenza e con l’esistenza di un mondo psichico conosciuto, uno sconosciuto e uno inconoscibile.

D’altra parte, anche pur ipotizzando un’illusoria condizione in cui si conosca ogni pezzo del teatro in cui siamo immersi e si conosca ogni risvolto e ogni battuta dello spettacolo al quale stiamo assistendo, non potremo mai vedere coi nostri occhi se fuori sta piovendo.

 

Contattami

+39 338 4184898

Dr. Manrico Caputo
Via Domenico Chiodo, 81
19121 – La Spezia
+39 338 4184898
Via Santa Sofia, 60
35121 – Padova